you are here:
Messaggio
  • Privacy Direttiva Europea

    I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie..

    Vedi i Documenti e-Privacy

IX EDIZIONE - anno 2003 (25 - 30 agosto)


La prima esecuzione assoluta di LEO RIPANUS SUITE

Conosco Ripatransone da dieci anni. Conosco Roberto Vespasiani (e la sua famiglia) da più tempo ancora. Entrambi mi hanno colpito al cuore: Ripa è così diventata per me un'oasi di serenità in un mondo sempre troppo frenetico, spesso cattivo, o almeno indifferente. Era giusto che io scrivessi, infine, della musica per questa meravigliosa città, e che prendesse spunto dai suoi paesaggi, dalle sue attività, dalla sua storia e dalle sue tradizioni. Ho accettato con entusiasmo l’incarico conferitomi dal Comune di Ripatransone per la composizione di un’opera musicale per orchestra di fiati imperniata sulla città di Ripatransone. L'ho dedicata in particolare all'amico Roberto, a cui debbo tutto il mio successo in terra picena.

Il primo tempo (Omaggio Ouverture) è un doveroso omaggio al più grande compositore della terra marchigiana: Gioachino Rossini il quale, con le sue frizzanti Ouvertures, ci ha regalato momenti di autentica genialità. Tra le frasi si nascondo piccole citazioni dalle sue opere più note.

Il secondo tempo (Luchina, Virginia, Donna Bianca: eroine e donne ripane) avrebbe dovuto celebrare le gesta delle donne che hanno avuto un ruolo rilevante nella storia ripana: Luchina, Virginia, Donna Bianca. Dico "avrebbe dovuto" perché ho invece deciso di utilizzare un comune denominatore di queste figure, conosciute sì per il loro coraggio, la loro passione e il loro sacrificio, accomunate però dal semplice fatto di essere delle donne, con la loro sensibilità, le loro paure, la loro fragilità. Un semplice valzer poteva caratterizzare al meglio questi sentimenti.

Il terzo tempo (Il Redentore) è quello centrale dell'opera, come centrale è la figura del Cristo Redentore, che con la sua effigie si staglia ormai da 100 anni nel cielo e sopra i tetti di Ripatransone. Ho utilizzato la testa di un antico canto gregoriano, il responsorio "Surrexit Dominus vere" (Il Signore è veramente risorto) come tema principale. Ne è scaturito un lineare ma denso inno. 

Con il quarto movimento (Il Cavallo di Fuoco) entriamo dentro una delle passioni dei ripani: la festa del "Cavallo di Fuoco" che si tiene la domenica dopo Pasqua. Le immagini della frenesia, dell'alternanza tra sacro e profano, lo scoppio dei fuochi d'artificio sono rappresentati in questo che è quasi un "quadro sinfonico". La registrazione autentica dei suoni della festa fa da background alla prima parte, mentre la seconda riprende la scansione ritmica gridata dalla gente durante il folle percorso del Cavallo. La terza e ultima parte, con le sue percussioni, chiude energicamente il movimento.

Il quinto e conclusivo tempo (Finale: Saltarello marchigiano "alla vendemmia") è un omaggio all'attività della vendemmia e, in senso più lato, a tutto quel che ha a che fare con la vite, il vino, la cui qualità sta facendo conoscere Ripatransone in tutta Italia. Il tema è quello di un antico saltarello marchigiano, preso e ripreso in variazioni sia aleatorie (introduzione), che ben ritmate e più solide.

Lorenzo Della Fonte

ORGANICO 2003 in ordine alfabetico e di strumento

Flauto Marco Bruni, Paola Moretti, Federica Pinna, Federica Talia
Oboe Adelaide Ricci, Francesco Trio
Fagotto Enrico Tancredi

Clarinetto
piccolo

Elisabetta Meynet
Clarinetto

Augelli Michele, Enrico Bruni, Otello Coccia, Cristina Crabu,
Viviana Fedeli, Maria Ferrara, Stefano Fraticelli, Giovanni Ieie, 
Paola Patacchiola, Giuseppe Scotto Galletta

Clarinetto basso Mariella Gusmeroli
Sax contralto Daniele Berdini, Raffaele Cimica
Sax tenore Manuel Pramotton
Sax baritono Emilio Maccolini
Corno Lorenzo Agnesa, Michele Garofalo, 
Andrea Godio, Denis Salvini
Tromba Mario Bracalente, Giuseppe De Simoni, 
Alessandro Pizzotti, Davide Portè, 
Davide Sanson
Trombone Alessio Bartolini, Francesco Parini, Riccardo Chiriotto
Euphonium Devid Ceste, Alessio Stabile
Tuba Gianluca Grosso, Stefano Piovani
Percussioni Roberto Bassani, Mauro Di Marco, Alessandro Dotti, 
Gabriella Mascadri, Anna Romegialli, Silvia Sandrini

 

CONCERTI 2003

RIPATRANSONE
Giovedì 28 agosto 2003 - ore 21,30 - Teatro Comunale "Luigi Mercantini"
prima esecuzione assoluta di "Leo Ripanus Suite" di Lorenzo Della Fonte

PORTO SAN GIORGIO
Venerdì 29 agosto 2003 - ore 21,30 - Cortile ex OPAF

GROTTAMMARE
Sabato 30 agosto 2003 - ore 21,30 - Piazza Pericle Fazzini

Dirige Lorenzo Della Fonte

PROGRAMMA 

Jean Sibelius/Hindsley
FINLANDIA

Ralph Vaughan Williams
TOCCATA MARZIALE

Lorenzo Della Fonte
LEO RIPANUS
(prima esecuzione assoluta)
1. Omaggio Ouverture
2. Luchina, Virginia, Donna Bianca: eroine e donne ripane
3. Il Redentore (inno sul responsorio gregoriano "Surrexit dominus vere")
4. Il Cavallo di fuoco
5. Finale: Saltarello marchigiano "alla Vendemmia"


Gustav Holst
SECOND SUITE IN F 
1. March
2. Song Without Words
3. Song of the Blacksmith
4. Fantasia on the "Dargason"

Vincent Persichetti
DIVERTIMENTO FOR BAND 
1. Prologue
2. Song
3. Dance
4. Burlesque
5. Soliloquy
6. March

Alfred Reed
EL CAMINO REAL
A Latin Fantasy