you are here:
Messaggio
  • Privacy Direttiva Europea

    I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie..

    Vedi i Documenti e-Privacy

LORENZO DELLA FONTE

DIRETTORE E DOCENTE AI CORSI DI DIREZIONE DAL 1995

La Giovanile Orchestra di Fiati fin dalla sua Fondazione è diretta da Lorenzo Della Fonte. Collegati al suo sito personale cliccando qui

Nato a Sondrio nel 1960, oltre ad aver conseguito tre diplomi di Conservatorio (Clarinetto, Strumentazione per Banda e Musica Jazz), ha studiato direzione d’orchestra in Italia e all’estero con Henk van Lijnschooten, Jo Conjaerts, Robert Reynolds, Jan Cober, Andreas Spörri, Gianluigi Gelmetti, Eugene Corporon. 
Dal 1987 si è dedicato completamente alla Banda e all’Orchestra di Fiati, guadagnandosi un importante e riconosciuto ruolo nel mondo fiatistico italiano ed internazionale come direttore, compositore, trascrittore, ricercatore e didatta. In ciascuno di questi campi Della Fonte è noto come profondo innovatore, ed è considerato una delle massime autorità in Italia per quanto riguarda la Banda.

È vincitore del Primo Premio dell’edizione 2000 del Concorso Internazionale per Direttori d'Orchestra "Prix Credit Suisse" di Grenchen (Svizzera), organizzato nel corso della "Internationale Musikwoche Grenchen" (fondata dal violinista Yehudi Menuhin nel 1958 e da lui stesso curata fino al 1999, anno della sua morte).Dal 1994 al 1998 è stato direttore principale della Civica Orchestra di Fiati di Milano, unica formazione professionistica nel suo genere in Italia, gruppo con il quale ha poi collaborato come direttore ospite. Con questa Orchestra ha tenuto, sino ad oggi, 45 concerti in importanti manifestazioni musicali in Italia e all’estero, presso sedi quali il Teatro Dal Verme, il Teatro Carcano e la Sala Verdi del Conservatorio di Milano, il Teatro S.Carlino di Brescia, il Teatro Giacosa di Aosta, il Mid-West di Chicago (USA), segnando una svolta determinante nello sviluppo artistico e nel riconoscimento internazionale della stessa Orchestra. Tra i programmi diverse prime esecuzioni assolute o italiane di autori contemporanei dedicatisi alla musica per fiati (Copland, Reed, Dello Joio, Husa, Grainger, Ticheli), ma anche musica per ensembles allargati (Stravinsky, Ligeti, Donatoni, Rodrigo, Hartley), come pure trascrizioni di musica operistica o sinfonica (Mozart, Verdi, Rossini, Prokofiev, Bernstein ecc.).

Attualmente dirige, dal 1991, l’Orchestra di Fiati della Valtellina, complesso che ha acquisito un importante ruolo nel mondo bandistico italiano e con il quale ha dato numerosi concerti in Italia (si segnala una rassegna di tre concerti al Teatro Dal Verme di Milano, in collaborazione con “I Concerti del Quartetto”, radiotrasmessi da RadioTre RAI), Svizzera, Spagna, Germania, Francia, Olanda. Con quest’Orchestra ha inciso otto compact-discs: due per la casa discografica Agorà, il primo dedicato alle trascrizioni di ouvertures operistiche (Verdi, Rossini, Donizetti, Bellini), il secondo alla musica originale per fiati francese (Milhaud, Berlioz, Satie). Il terzo CD è uscito per la casa Stormworks (USA), il quarto per la Animando, il quinto ed il sesto per l’olandese Mirasound (solisti Gabriele Cassone e Corrado Colliard – Sinfonia delle Valli di G. Gaslini), il settimo è una registrazione di concerti dal vivo in occasione del ventennale OFV. L’ultimo è un cd dedicato al jazz, con solisti di grande importanza (Bosso, Giammarco). Tutti sono stati accolti con ottimi giudizi dalla stampa specializzata (Amadeus, CD Classica, The Classic Voice, I Fiati).

Ha diretto dal 1992 al 2014 la Società Filarmonica di Arogno (Svizzera), dal 2000 il Soli Wind Ensemble (gruppo che riunisce strumentisti di alto livello provenienti da tutta Italia), mentre dal 1999 al 2003 ha guidato l’esperienza dell’unica orchestra di ottoni professionale italiana, la Festival Brass Band di Aosta, con la quale ha rappresentato il nostro Paese ai più importanti festivals del settore. Nel 2009 è stato direttore dei Fiati Filarmonici di Torino, e dal 2009 al 2011 ha assunto, per concorso, la direzione della Banda Rappresentativa della Federazione dei Corpi Bandistici della Provincia di Trento. Dal 2011 è direttore dell’Orchestra di Fiati del Conservatorio di Messina.

È il direttore di Banda italiano più richiesto all’estero grazie ad un’intensa e proficua attività come direttore ospite, iniziata già nel 1992, con prestigiose Orchestre di Fiati in Giappone (Senzoku Gakuen), Germania (Stoccarda, Blasorchester Südwind), Canada (Saskatoon), Svizzera (Balerna, St. Moritz, Zurigo), Olanda (Maastricht, Eijsden), Spagna (Vitoria-Gasteiz, Villena), Belgio (Lemmens Instituut Leuven, Gent), Portogallo (Banda Sinfónica da Bairrada), Irlanda (Royal Irish Academy of Music Wind Ensemble), Lettonia (JVLMA Riga), USA (Murray, North Texas, Northern Iowa, WIBC Seattle), Argentina (Cordoba), Brasile (San Paolo), Taiwan (Tao Yuan Symphonic Band), oltre a numerose altre Bande in Italia, per un totale di oltre 90.

Ha diretto ai Festivals e Concorsi più importanti: Strasburgo (Francia), Kerkrade (Olanda), Valencia ed Altea (Spagna), Chicago e Seattle (USA), Saas-Fee e Lucerna (Svizzera), Schladming (Austria), Riva del Garda (Italia), nonché in quasi 600 concerti in tutto il mondo, in altre sedi prestigiose quali il Teatro Comunale di Firenze, la Tonhalle di Zurigo, il Teatro Romano di Aosta, il Teatro Dal Verme di Milano, il Teatro Antico di Taormina, gli Amici della Musica di Sondalo, alcuni dei quali anche con orchestre d’archi, come “Nuova Cameristica” di Milano. Ha lavorato con artisti di grande rinomanza internazionale come, fra gli altri, Steven Mead, Patrick Sheridan, Gabriele Cassone, Fabrizio Meloni, Jaques Mauger, Giorgio Gaslini, Maurizio Giammarco, Fabrizio Bosso, Leonhard Westermayr, Roger Webster, Ingo Dannhorn, Andrea Carcano. Dal 1995 Della Fonte è direttore/docente della Giovanile Orchestra Internazionale di Fiati di Ripatransone (Marche), gruppo che si è conquistato un ambito particolarmente riconosciuto nel mondo delle iniziative didattico/orchestrali, arrivando nel 2014 alla 20a edizione consecutiva.

È docente titolare di Strumentazione e Composizione per Orchestra di Fiati presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino, materia che ha insegnato inoltre presso i Conservatori di Udine, L’Aquila e Pesaro, e di Direzione Bandistica a corsi organizzati da varie Istituzioni italiane quali l’Istituto Musicale di Aosta, il Coordinamento delle Bande Cremonesi, la Filarmonica Leopolda di Firenze ed altre ancora. Ha tenuto corsi di perfezionamento in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Friuli, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna, mentre nel Luglio 2001 è stato insegnante ospite di direzione per Banda e direttore ospite presso la North Texas University (USA), invitato da Eugene Corporon. Nel 2008 è stato docente ospite di direzione presso l’Università di Alicante (Spagna) e nel 2010 presso la Bruno-Frey-Musikschule di Biberach (Germania).

Come compositore è autore di diversi brani originali e trascrizioni, pubblicati da Molenaar (Olanda), Animando, Boario, Scomegna, Wicky, Eufonia, Mitropa (Svizzera): i suoi lavori  “Vento di Maggio”, “Exortus”, “Il lago era immobile…” e “Voci da Brescia, 1974” hanno ottenuto, rispettivamente, il 1° Premio al 2° Concorso Internazionale di Composizione per Banda “Città di Gubbio” (2009), il 1° Premio al Concorso Europeo di Composizione per Banda (Lussemburgo 1994), il 4° Premio al Concorso Internazionale “Arge Alp” (Bolzano 1997) e la menzione al Concorso di Composizione per Banda “I. Capitanio” (Brescia 1999). Le sue composizioni sono incise, tra gli altri, sui CD “Voci Stanze Danze” (Giovanile Orchestra di Fiati di Ripatransone/Animando) e “The Silken Ladder” (Polizeimusikkorps Baden-Württemberg/Molenaar). Dal 2000 scrive su commissione, ed i suoi lavori gli sono stati richiesti da importanti bande ed istituzioni come Biblioservice Gelderland (Olanda).

È spesso richiesto come membro di Giurie Internazionali per concorsi bandistici in Italia, Spagna (Certamen di Valencia e Altea), Ungheria, Polonia, Francia, Svizzera e collabora, come docente o esperto, con Associazioni Bandistiche italiane. Inoltre il suo brano “Quiete Stanze” è stato scelto dalla Confederation Musicale de France quale obbligo per tutti i Concorsi Bandistici francesi del 1999/2000. Dal 1992 al 1998 è stato Presidente della Sezione Nazionale Italiana della WASBE (World Association for Symphonic Bands and Ensembles), e dal 1993 al 1999 membro del Board of Directors (Comitato Centrale Internazionale) della stessa Associazione Mondiale delle Bande. Nel 2010 ha coordinato la storica tournée italiana della Tokyo Kosei Wind Orchestra diretta da Douglas Bostock, partecipando inoltre, come docente, alla masterclass internazionale di direzione collegata.

Ha al suo attivo 14 Compact Discs per le case discografiche “Mirasound” (Olanda), “Mark” e “Stormworks” (USA), “Amos” (Svizzera), “Agorà”, “Animando”, “Tirreno”, “Tawa International” e “Stradivarius” (Italia), alcuni dei quali sono stati trasmessi da Radio Due e Radio Tre RAI, dal canale Auditorium della Filodiffusione, dalle emittenti specializzate in musica classica WNYC di New York e WQUB dell’Illinois, dalla Radio Svizzera Italiana (RSI) e Tedesca (DRS), dalla radio tedesca WDR4 e dalla Televisione della Svizzera Italiana (TSI).

Della Fonte è infine autore del libro “La Banda: Orchestra del nuovo millennio” (con prefazione di Frank Battisti), pubblicato da Animando, entusiasticamente accolto dal mondo bandistico nazionale e positivamente recensito da stampa (I Fiati, Amadeus) e radio (RadioTre RAI), e del romanzo musicale “L’infinita musica del vento”, pubblicato da Casa Musicale Eco e già recensito da Classic Voice e GB Opera.