you are here:
Messaggio
  • Privacy Direttiva Europea

    I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie..

    Vedi i Documenti e-Privacy

STORIA

La Giovanile Orchestra di Fiati è costituita da strumentisti provenienti dall’Italia e dall’estero che si ritrovano a Ripatransone per trascorrere insieme delle giornate di studio e aggiornamento e dar vita così ad un organico strumentale completo nei suoi settori e ricco nelle capacità esecutive.

È stata fondata nel 1995 dall'incontro artistico fra Roberto Vespasiani e Lorenzo Della Fonte, e negli anni è cresciuta nel numero degli elementi ma soprattutto nella capacità esecutiva, fino a diventare punto di riferimento e confronto per il movimento bandistico provinciale, regionale e non solo.


Elemento importante e da non sottovalutare è il fatto che la manifestazione rientra all'interno del Finanziamento del Fondo Sociale Europeo, facendone così un vero e proprio strumento di formazione professionale indirizzato all’aggiornamento di musicisti maturi artisticamente o in via di affermazione e tendente al miglioramento delle loro abilità esecutive e d'insieme verso il repertorio della musica per strumenti a fiato.
Accanto all'attività orchestrale vengono attivati dei corsi di perfezionamento per vari strumenti e corsi di direzione di banda tenuti da validissimi docenti. Nel corso della stagione 2002 per fermare su supporto digitale l’esecuzione dei brani composti dal direttore Lorenzo Della Fonte è stato prodotto il CD “Voci Stanze Danze” per la casa editrice Animando (www.animando.com). La registrazione è stata fatta nel Teatro Comunale Luigi Mercantini di Ripatransone.

A testimonianza dell’importanza dei Corsi di formazione Orchestrale è il patrocinio dato alla manifestazione dall’Associazione internazionale dei maestri direttori di banda (WASBE) e dall’ANBIMA.